INFORMIAMICI, grande successo anche per la seconda edizione!

di Gianni Puglisi Commenta

Esattamente come è stato per la prima edizione, anche questa volta INFORMIAMICI si è dimostrato un vero e proprio successone. Siamo giunti all’atto finale, ovvero quello delle premiazioni, che si è svolto presso il Centro Congressi Spagna, a Roma. Un progetto di comunicazione originale, che questa volta ha visto come temi principali il preservativo e i contraccettivi d’emergenza, le infezioni a trasmissione sessuale, bullismo e cyberbullismo.

Sia la società medica SMIC che DGMBOX hanno voluto lanciare l’idea di provare ad informare i ragazzi avendo come promotori gli stessi studenti: una comunicazione al pubblico che fosse finalmente fatta con un linguaggio più diretto e anche priva di tutte le bufale e fake news che ormai spopolano sui social e sul web.

Non è sicuramente una casualità se il preservativo e la nuova pillola del giorno dopo, lanciata in commercio con il nome di ellaOne, sono state le tematiche scelte da due dei progetti che hanno raggiunto la finale. Sono ormai tre anni che la legge circa l’acquisto del contraccettivo d’emergenza è stata modificata: adesso le ragazze maggiorenni hanno la possibilità di comprare sia la nuova che la vecchia pillola senza passare dal medico per farsi fare obbligatoriamente la ricetta (anche se tale obbligo permane per le ragazze minorenni).

Il progetto vincitore è stato PIC #PrendiloInConsiderazione, realizzato dal Liceo Caravaggio di Roma: la giuria ha conferito a ciascun partecipante una borsa di studio del valore di 1000 euro, che dovrà essere spesa, almeno per il 50%, in formazione. Non solo, visto che ci sono stati altri due riconoscimenti. La giuria ha voluto riconoscere anche il premio alla creatività al Liceo Boccioni di Milano, protagonista del progetto #goditelasututtalalinea e il premio per l’impegno sociale all’Istituto Europeo Woolf di Roma con il progetto #Svitailbullo. INFORMIAMICI tornerà a settembre, con la terza edizione: iscrizioni aperte ovviamente non solo alle partecipanti degli ultimi due anni, ma a tutti i licei artistici in Italia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>