Verstappen non si dà pace con Pirelli per la foratura

di Daniele Pace Commenta

Le ultime indicazioni sulla disputa a distanza tra Pirelli e Verstappen

Spread the love

Verstappen ancora non riesce a darsi pace con Pirelli, in seguito alla foratura di domenica. Questione sicurezza, ovviamente, ma anche la sensazione di aver buttato via un gran premio ormai vinto. Mentre la natura di due guasti imprevisti ad alta velocità nel Gran Premio d’Azerbaigian era già sufficiente per Pirelli per andare a fondo dei problemi, sono stati i commenti post-gara di Verstappen ad aumentare l’intrigo.

Verstappen

Le sensazioni di Verstappen su Pirelli

Con la sua Red Bull colpita ancora da riportare al box, l’olandese ha suggerito che Pirelli si sarebbe scrollata di dosso le sue responsabilità per quanto accaduto e avrebbe affermato che i detriti erano la causa.

“Di sicuro [ci saranno colloqui con Pirelli] ma conosciamo già il risultato di quella conversazione ed è un po’ difficile da accettare. Sarà associato ai detriti, è così. Sono sicuro che se ne parlerà, Pirelli non è contenta di quanto accaduto qui oggi, ma non cambia nulla alla gara e al risultato che ho ottenuto qui”.

Sicuramente, quando poche ore dopo la diagnosi iniziale di Pirelli fu che i sospetti detriti erano la causa dei guasti alla Red Bull e all’Aston Martin di Lance Stroll, attirò una risposta cinica dal padre di Verstappen, Jos.

Twittando in risposta a una storia su Motorsport.com che dettaglia la spiegazione di Pirelli, Verstappen Snr ha postato: “Lo dicono sempre”.

Che sia giusto o meno suggerire che Pirelli sta usando i detriti come scusa per i suoi fallimenti, ciò che è chiaro è che i riflettori sono puntati sul produttore di pneumatici italiano come mai prima d’ora per dare una spiegazione completa e corretta su ciò che è andato storto.

Le implicazioni per il campionato del mondo della rottura delle gomme avrebbero potuto essere enormi, e la mancanza di preavviso che entrambi i piloti hanno avuto sui problemi ha creato un certo disagio. Per il responsabile della F1 e delle corse automobilistiche Pirelli, Mario Isola, non c’è dubbio che la sua azienda debba fare il possibile per fornire risposte prima del Gran Premio di Francia.

“L’indagine preliminare è che probabilmente è dovuto a un fattore esterno, detriti o altro. Ma non voglio saltare a una conclusione ora. Il piano è fare un’indagine approfondita e tornare a un rapporto alla FIA e alle squadre che, si spera, saranno prima del Paul Ricard. Devo dire che spingerò avere un rapporto, e ovviamente è una priorità, prima del Paul Ricard”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>