Di Luca shock: senza doparsi impossibile vincere il Giro d’Italia

di Alba D'Alberto Commenta

In questi giorni si sta correndo il Giro d’Italia e vediamo in strada degli atleti che si sacrificano percorrendo centinaia di chilometri al giorno, che affrontano numerose vette difficili da raggiungere anche in macchina e si dirigono verso la vittoria di tappa. Ma è vero quel che dice Di Luca?

Danilo Di Luca, vincitore di un giro d’Italia, positivo ad alcuni controlli antidoping, rivela che vincere un giro senza doparsi è impossibile. Una dichiarazione shockante che forse sintetizza quel che pensano in molti del ciclismo e dei corridori.

ivano - luca pizzi

Danilo Di Luca, ex stella azzurra delle due ruote dal 1999 al 2013 ha dalla sua parte un bel gruppo di vittorie di primissimo rispetto: 54 gare vinte, racconta il Corriere dello Sport, tra le quali la Freccia Vallone la Liegi-Bastogne-Liegi e il Giro d’Italia. Poi però, risultato positivo ad un controllo antidoping nel 2013, è stato radiato a vita dall’albo dei ciclisti. Da allora costruisce bici della Kyklos e si rilassa nella sua terra d’origine, l’Abruzzo. È tornato sotto i riflettori per un libro, “Bestie da vittoria” nel quale attacca il mondo del ciclismo, diventato ormai una corsa a chi si dopa di più. Un giornalista chiede a Di Luca:

Tu hai un record poco lodevole, quello di essere il prima ciclista italiano radiato a vita. Non ti sei mai pentito di nulla?

Ecco la sua risposta emblematica che getta ancora un’ombra e non una luce sul mondo del ciclismo contemporaneo.

Questa domanda nasconde una duplice risposta. La prima è no, non mi pento di nulla perché quando sono passato professionista e ho fatto il mestiere che sognavo mi sono assunto le responsabilità di ciò che facevo, ho deciso volontariamente di far parte del sistema. Se poi mi chiedi se oggi a 40 anni e con molta più esperienza sulle spalle io possa ancora decidere di far parte del sistema, beh, forse adesso ci ripenserei.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>