La nazionale italiana inizia a somigliare ad una squadra. Ottimo Mancini

di Daniele Pace Commenta

nazionale italiana

La nazionale italiana dimostra di avere voglia, e soprattutto speranza per il futuro. Mancini è riuscito a ridare entusiasmo ed unità alla nazionale, anche se mancano ancora le prove più dure. Ma le nuove leve, i giovani su cui sta facendo, coraggiosamente affidamento, fanno sperare ad un bel futuro.

I paragoni sono ancora prematuri, ma l’aria sembra quella della under 21 di Azelio Vicini, e quegli Europei in Germania che dimostrarono come i successivi Mondiali di Italia 90 potessero essere quelli della vittoria in casa.

La nuova stagione

La nuova stagione azzurra si apre dopo il buio della mancata qualificazione a Russia 18 e le pessime figure ai due mondiali precedenti. Al di là della parentesi di Conte, dal mondiale vinto in Germania sembra essere passato un secolo e soprattutto sembrava che il nostro paese non riuscisse più a crescere campioni.

Mancavano i giovani talenti che hanno fatto grande la nazionale, al di là delle colpe, evidenti, di Ventura, mancava la materia prima. Si era denunciata l’arretratezza del nostro calcio, che è rimasta, ma da sola non bastava a giustificare la penuria di talenti. Certo, le altre nazioni sono in netto vantaggio.

L’Inghilterra con i suoi stadi di proprietà e introiti che nessuno riesce ad eguagliare, i settori giovanili di Francia e Spagna, hanno lasciato il nostro paese indietro. Servono impianti di proprietà, squadre B e altre soluzioni, e questa nuova “calata” di talenti, non dovrà ingannare la politica sportiva, nel considerare tutto risolto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>